W1siziisijiwmtgvmduvmtgvmdcvmzkvmdyvmtgxl0l0ywxpyw4gtwfya2v0ifvwzgf0zs5qcgcixsxbinailcj0ahvtyiisijiwmdb4mzuwiyjdxq

HR Market Update Italy - 2018-19

HR Market Update Italy - 2018-19

Matteo Muscio Market Insight

Introduzione
 
Siamo lieti di condividere con voi il nostro primo “Market Report” con specifico focus sul mondo delle Risorse Umane in Italia. Un breve ma chiaro quadro sull’evoluzione della funzione HR durante il 2017 con relative aspettative e previsioni per il 2018: dalle tipologie di profili più richiesti, ai nuovi criteri di selezione, fino agli aspetti remunerativi. I risultati analizzati favoriscono interessanti spunti di riflessione sulle tendenze e sulla situazione del mercato HR. Tutto ciò, è stato reso possibile, grazie alle informazioni raccolte da autorevoli fonti nel settore di riferimento e all’analisi dei risultati della survey condotta.
 
Uno speciale ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito alla survey, con l’augurio che troverete questo report di vostro interesse.
 
Uno sguardo al mercato: l’evoluzione della figura HR tra il 2017 e il 2018
 
Nel 2017, il mercato delle Risorse Umane in Italia è stato attivo e ci aspettiamo che questo dinamismo continui anche nel 2018.
 
Abbiamo notato che la funzione HR sta vivendo una trasformazione graduale, dovuta principalmente  ai  processi di ristrutturazione od acquisizione  che  hanno  interessato  sia numerose aziende multinazionali che quelle di medie dimensioni.
 
Uno degli elementi significativi di questa trasformazione è che la figura dell’HR viene sempre più coinvolta nelle dinamiche del business e di conseguenza abbiamo notato uno spostamento del riporto gerarchico nelle multinazionali estere - dalla subsidary agli headquarter - direttamente verso il business e solo funzionalmente alle Risorse Umane.
 
Il cambiamento di cui sopra, ha chiaramente avuto un  impatto, sui criteri di selezione di nuovi profili HR. Abbiamo, difatti, assistito ad un aumento di richieste di competenze più analitiche e commerciali, fondamentali per poter collaborare maggiormente in sintonia con il business ed anticiparne i bisogni. Per tale motivo, anche le figure ricercate come HR Manager e HR Director, devono mantenere la dualità di approccio: da una parte molto strategico e allineato agli obiettivi aziendali, d’altra parte piuttosto operativo nel gestire il day by day.
 
Nel lungo periodo, infatti, prevediamo un aumento della domanda di profili specialisti in particolar modo per esperti in Talent Acquisition & Employer Branding e Talent Development & Training; ci aspettiamo altresì una crescita nella richiesta di esperti nell’area reward – profili che però dovranno anche avere un approccio da business partner in grado di sviluppare strategie che garantiscano la produttività. Questo trend ha anche spinto le aziende ad investire in HRIS – strumenti che consentono ai manager di gestire e controllare in modo più efficace i carichi di lavoro dei dipendenti – dando così al business un elemento in più per influenzare le strategie aziendali.
 
Continuano però, per lo specifico sistema giuridico italiano, ad essere importanti e centrali le esperienze in relazioni industriali e sindacali per quasi tutti i profili HR ricercati. Difatti, i dati    di questa indagine mostrano in Italia un maggiore numero di profili generalisti a confronto con quelli specialisti. La ragione è insita nella natura stessa del tessuto imprenditoriale italiano, costellato per la maggior parte da aziende di piccole e medie dimensioni, nelle quali i dipartimenti HR non sono ancora ben strutturati e focalizzati di solito più su attività amministrative.
 
Tuttavia, dalle informazioni raccolte nel mercato abbiamo  colto un sentimento sempre più positivo verso il cambiamento della figura HR, che ha portato ad un maggiore investimento su attività come quelle di talent attraction, training, sviluppo, selezione ed employer branding, profili solitamente meno richiesti a fornitori esterni, come mostra il grafico qui seguito.
 
In conclusione, nell’immediato lo skill set più ricercato resterà il profilo generalista; tuttavia nei prossimi anni, prevediamo che la figura HR diverrà , come lo è già all’estero, un vero e proprio business partner che, dietro le quinte, supporterà i line managers dando loro tutti gli strumenti necessari per lavorare in maniera completa.
 
Remunerazione
 
  • Come si evince dal grafico, la retribuzione in Italia è strettamente legata alle dimensioni dell’azienda, al numero di anni di esperienza maturati all’interno del settore e al titolo ricoperto.
  • Dall’analisi riguardante la soddisfazione per il ruolo ricoperto, più della metà dei rispondenti (pari al 66,70%) si ritiene tra estremamente soddisfatto e soddisfatto. Infatti, valuterebbe una nuova opportunità lavorativa principalmente per maggiori prospettive di carriera e per sfida intellettuale e solamente dopo motivi strettamente retributivi, di work life balance e sede di lavoro.
 
Chi Siamo
 
Frazer Jones è una società Anglo Sassone specializzata nel recruitment di profili HR a livello globale.
 
Siamo presenti, con 11 uffici e più di 80 consulenti, in tutto il mondo, e dal 1996 ad oggi abbiamo acquisito una solida esperienza nell’ identificare i migliori talenti HR sul mercato.
 
I nostri clienti variano da start-up, aziende di piccole-medie dimensioni a grandi gruppi multinazionali con migliaia di dipendenti in diversi paesi.
 
Operiamo trasversalmente all’interno di tutti settori: dal finanziario, logistico, IT, telecomunicazioni, retail, lusso al farmaceutico, biotech, oil & gas, chimico e manifatturiero.
 
Collaboriamo inoltre con società di consulenza internazionali sia per identificare i loro HR interni, che per i loro team di consulenti - figure specializzate in materia di reward, mobilità globale, change management e transformation.